L’orologio delle stagioni

Un’altra importante iniziativa a cui la fondazione vuole dare continuità è costituita dagli eventi che dal 2016 organizza presso l’Auditorium della Biblioteca Nazionale di Torino, in piazza Carlo Alberto, ad ogni cambio di stagione. Eventi che sulle note delle “Quattro Stagioni” di Vivaldi (i cui manoscritti sono conservati presso la Biblioteca Nazionale) puntano a ricreare con musiche, danze, testimonianze e contributi autorevoli il contatto tra uomo e ambiente, a riscoprire il ritmo delle stagioni, a recuperare il valore del tempo e delle tradizioni.

In ogni evento la natura viene rappresentata con una molteplicità di forme artistiche (poesia, musica, canti, danze, teatro) che si alternano a interventi di personaggi che sul verde hanno molto da dire: tra questi, Elena Accati e Tiziano Fratus (scrittori), Luca Mercalli (climatologo e divulgatore sicentifico), Paolo Pejrone (architetto di giardini), Carlo Grande (giornalista e scrittore). E ancora, Guido Rimonda (violinista e direttore d’orchestra), le esibizioni dei giovani artisti di “Ensemble Ducale.Lab”, delle voci bianche del Coropò diretto da Maria Silvia Merlini, dell’Ensemble d’Arpe diretta da Federica Mancini, i balletti della Compagnia Giovane Scena del DAM (Danza, Arte, Movimento) del Teatro Nuovo di Torino…

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *